lunedì 25 febbraio 2019

Wicca - Almarosa Blu di Prussia


Wicca è stata Wicca dal primo momento in cui l’ho vista. 

E’ nata dalla mia prima cucciolata di Cardigan, da quella cucciolata tanto desiderata quanto attesa proprio perché segnava, dopo l’inizio di quella nuova avventura che era stata allevare un’altra razza diversa dai Pembroke, la concretizzazione di un desiderio di vecchissima data. Inoltre, per me era più che allevare un’altra razza, si trattava in qualche modo anche di affrancarmi dal sapere di Gianandrea, non che questo sia mai stato un problema, ma avevo bisogno di iniziare una mia strada con un’esperienza nuova nella quale naturalmente lui sarebbe sempre stato lì a vegliare e a volte a ficcanasare, ma nella quale potevo avere una mia autonomia di azione e di decisione. Questo è quello che pensavo a priori ma poi nella pratica il suo ausilio e soprattutto la sua conoscenza è stato ed è sempre fondamentale nelle scelte importanti.
Wicca è nata da Iggy, la madre-Corgi più brava che io abbia mai visto, la fattrice che ogni allevatore vorrebbe avere, bella, brava nella vita di tutti i giorni, nel parto, nell’accudimento dei suoi sempre numerosi cuccioli che con equilibrio e fermezza li ha accompagnati nel diventare compagni di vita meravigliosi.
Ed è anche figlia di Ozzy, il mio “freccia grigia”, il cane più buono che ci sia, obbediente, brontolone, parlante, a volte un po’ arrogante con gli altri cani nel tentativo di darsi un tono consono alla sua mole ma buono fondamentalmente buono, dote che ha trasmesso alla maggior parte dei suoi figli. E questa bontà a Wicca, a molti dei suoi fratelli e a Ozzy, gliela si legge negli occhi, quegli occhi pieni di emozioni che parlano per loro.
E’ diventata campionessa italiana di bellezza come si suole dire “a mani basse”  nel senso che ha partecipato al numero minimo di esposizioni necessarie per acquisire questo titolo.

Mentre cresceva sognavo per lei un matrimonio importante perché sentivo avrebbe potuto essere una madre meravigliosa trasmettendo ai suoi piccoli i molti pregi patrimonio del suo DNA, sia fisici che caratteriali, e lo scorso anno ci abbiamo provato per la prima volta con Fedor, il nostro Corgi-Lover, con un super pedigee, arrivato quasi appositamente dalla Russia. Ma la gravidanza non è andata come previsto e a 52 giorni con un parto prematuro ha fatto nascere e morire tutti i suoi 11 cuccioli o quello che di loro si poteva intuire. Non sappiamo ancora ciò che realmente è accaduto, probabilmente un’infezione di origine batterica che, nonostante lei fosse stata controllata prima dell’accoppiamento, può succedere anche se a noi in molti anni di allevamento non era mai accaduto.
Ma ci abbiamo riprovato, sempre con il bellissimo Fedor, e oggi, mentre scrivo queste righe, è il cinquantacinquesimo giorno di gravidanza, tre giorni più avanti rispetto alla data in cui la volta scorsa si è interrotta ma lei, questa volta, sta bene. Questa gravidanza, in concerto con il nostro eccezionale veterinario che ci segue nella riproduzione, dott. Mauro Ronchese, è stata monitorata fin dall’inizio proprio per verificare la possibile insorgenza di anomalie e porne rimedio tempestivamente con eventuali terapie mirate. Fino ad oggi tutto è andato nella giusta direzione, lei è vivace e mangia  a sufficienza, il suo pancione cresce e ora per noi inizia il conto alla rovescia ripreso, più o meno, laddove la volta scorsa tutto si era interrotto ponendo fine alle nostre aspettative, probabilmente anche a quelle di Wicca, lasciandomi un’amara delusione e la tristezza che forse questa bellissima Corgina dall’aura celestiale non fosse nata per essere mamma.  
Ma Wicca, come il significato del nome che ho scelto per lei, sono certa è nata per creare armonia, per dare forza a se stessa e a chi le sta vicino e con coraggio, come un gesto scaramantico al contrario, ho voluto oggi condividere questo pensiero triste e felice insieme, con positività sento che andrà tutto bene perché lei mi guarda con quegli occhi buoni, quegli occhi che parlano e mi dicono di stare tranquilla.

Wicca è un cane speciale, e qualcuno potrebbe dire che per me sono tutti speciali e che nei miei racconti a un certo punto lo dico sempre; è vero e penso che i nostri pelosi per ognuno di noi e in modo sempre diverso siano tutti speciali, capaci come sono di comprenderci e di arricchirci rendendoci migliori.

Nessun commento:

Posta un commento