domenica 6 dicembre 2015

A chi affido il mio cucciolo corgi? ...Il punto di vista di un Allevatore.

Da molto tempo la figura dell'Allevatore è legata a una serie di connotazioni che fanno di lui la persona seria e competente alla quale potersi rivolgere con fiducia per avere in affidamento un piccolo peloso nel nostro caso di Welsh Corgi Pembroke oppure Cardigan. 

Ovunque si parla e teorizza sulle regole e i punti fondamentali per riconoscere un buon allevatore; in ogni rivista cinofila, blog, siti realizzati per il presunto o reale benessere animale si trovano ormai fior di decaloghi per distinguere il bravo allevatore dal "cagnaro". Ovunque si propongono le cose da chiedere quando viene contattato o quelle da osservare quando si presenta l'occasione di conoscerlo. Cose del tipo: se accudisce in modo consono i propri cuccioli, se la mamma è presente con i piccoli fino all'età giusta in modo da non sviluppare in futuro patologie comportamentali come "l'ansia da separazione", se i genitori sono visibili in allevamento, se le condizioni di igiene in cui vivono pelosi sono buone (se dormono a letto con gli allevatori e mangiano assieme allo stesso tavolo è tutto ok... diversamente probabilmente ci troviamo di fronte a sfruttamento degli animali!!!), se effettuano i test genetici nei loro soggetti in modo da garantire la salute dei piccoli, se l'alimentazione è di buon livello, naturalmente se i piccoli sono in possesso di pedigree, microchip, vaccinazioni... e mille altri "se" tutti sacrosanti se presi con buonsenso, ponderatezza e poco fanatismo.
 Viviamo nell'era del "sapere ignorante", quella in cui tutti sanno tutto grazie a nozioni spicciole e poco approfondite del tipo "wikipedia" (non me ne vogliano i sostenitori di questa enciclopedia virtuale a volte molto utile ma che non deve essere l'unica fonte di sapere come accade per molti) oppure fonte Facebook: "Hai saputo che i Welsh Corgi Cardigan blue merle se accoppiati tra loro generano cuccioli malati che possono morire? Ma chi lo ha detto??? Ehhh... ho visto un post..." e poi si scopre che un semplice dubbio espresso da una persona che si interessa alla razza è diventato un assioma con tanto di teorema e postulati! Questo "sapere" genera individui sicuramente e intimamente convinti di sapere molte cose ma tutto o quasi in maniera superficiale e tanto basta perchè l'idea di approfondire un dubbio o una curiosità non li sfiori nemmeno. 

Ma dov'è finito il bipede ideale al quale affidare i nostri amati cuccioli corgi, quello che si rivolgeva all'allevatore come un adepto al suo maestro? E noi, presunti cagnari fino a prova contraria, come possiamo riconoscere un buon affidatario? Anche in questo caso la tecnologia a volte ci è ostile perchè le mail, nell'attuale immaginario collettivo, devono assolutamente essere brevi e concise contrariamente alle "antiche" missive con le quali la persona intenzionata ad accogliere un cucciolo nella propria famiglia prima di chiedere la disponibilità di quest'ultimo iniziava con il racconto della propria vita partendo due generazioni più indietro.
Oppure gli sms o le chiamate con i cellulari che non si sa per quale motivo ma nel bel mezzo di una chiamata si interrompe sempre la linea (mi scusi sono in galleria, mi scusi "ho sotto" la chiamata di mia moglie, marito, madre, datore di lavoro, collega...) e vivi la telefonata con l'ansia e la fretta di dover dire e chiedere tutto velocemente per paura di perdere irrimediabilemente nell'etere chiamata e futuro affidatario in un colpo solo. Con l'antico telefono solo la composizione del numero richiedeva disponibilità di tempo e predisposizione d'animo e quello era solo l'inizio di una conoscenza che si sarebbe sicuramente protratta almeno per tutta la durata della vita del peloso prescelto.
Se fosse solo un problema di supporti tecnologici potremmo farcene una ragione e adeguarci alle innovazioni, ma il problema non è solo quello, purtroppo... nell'ottica del risparmio e dell'ottimizzazione del tempo è rientrata lentamente ma ormai inesorabilmente anche la centellinizzazione dell'educazione e a questa innovazione è davvero difficile adeguarsi...
 Potrei scrivere pagine e pagine riportando i messaggi o le mail con i quali moltissime persone si approcciano al nostro allevamento per avere informazioni; alcune molto divertenti altre da ulcera gastrica ma comunque tutte da cestinare senza possibilità di appello. Le più frequenti sono del tipo: "Salve, avete cuccioli corgi disponibili e quanto costano?" Ma nemmeno quando vado dall'ortolano per acquistare semplicemente un chilo di patate mi rivolgo a lui in questo modo e i nostri piccoli, con tutto il rispetto per i tuberi, non sono patate! Oppure: "Sono un single, abito in una casa piccola e vorrei un cane piccolo come il Corgi". In questo caso presumo che quando deciderà di cercare la propria anima gemella opterà necessariamente per una persona di staura bassa (casa piccola... cane piccolo... compagno/a piccolo/a).
A richieste formulate in questo modo ovviamente nemmeno rispondiamo, sarebbe solo tempo sprecato e la conferma l'abbiamo ogni qualvolta invece decidiamo di farlo perchè magari ci sembra cogliere tra le righe un reale interessamento e solo una difficoltà di espressione o qualche incertezza grammaticale non significano sempre maleducazione... E invece è proprio così! Nell'arco temporale in cui tentiamo di spiegare a questi presunti-intenzionati-futuri-affidatari di un piccolo Corgi che se vorranno essere tali devono raccontarci chi sono e quali sono le loro aspettative nei confronti di un eventuale cucciolo, questi si sono già volatilizzati, dissolti nel nulla già approdati con la loro irriverente richiesta a caselle postali di altri allevatori nella speranza di trovare subito il Corgi-affare del secolo. 

Ecco, a queste persone vorrei dire che sicuramente ci sono molti cagnari in giro e fanno bene a informarsi prima di prendere un cucciolo ma le informazioni più importanti le devono assumere direttamente ponendo domande, tante domande, parlando, dialogando, cercando insomma di capire se l'allevatore che si trovano davanti sia una persona seria non solo perchè risponde affermativamente ai punti stabiliti dal famoso decalogo ma perchè fidandosi del proprio intuito e alla propria capacità empatica pensano possa essere la persona giusta alla quale affidarsi. Molto probabilmente quando cercate un cucciolo siete dei neofiti della razza, spesso anche della cinofilia stessa. Non cercate di giudicare qualità o salute di un quadrupede tramite decaloghi o coppe in bacheca, perchè non fa parte delle vostre facoltà.

 Usate il vostro buonsenso e le capacità che avete, quelle per giudicare l'onestà del bipede che vi sta davanti anzitutto. 

10 commenti:

  1. questo articolo mi trova d'accordo. Molto spesso, parlo per me, ma forse non solo, siamo traumatizzati da tanti appunto cagnari e anche dobbiamo sedimentare bene e in modo responsabile il desiderio di un cane e in particolare di un cane di razza, come un Corgi. quasi nessuno , io di sicuro no, siamo esperti cinofili e spesso scegliamno a "simpatia" per la cura che possiamo intuire nell'allevatore. Io personalmente ne ho scartato uno molto titolato perché mi ha parlato dei suoi cani come "prodotti". Non è semplice adottare un cane. Io ne ho due e sono parte della mia famiglia. come figli a volte li amo.... a volte ne farei volentieri a meno, bisogna essere pronti alle spine e non solo a qualcuno che ci riempia i vuoti. Comunque anch'io mi sono rivolta con fiducia a voi e poi ho rimandato, perché troppo stanca e non pronta.... figuriamoci che ho una chiusura affidabile nella casa da meno di un mese.....altriment non avrei nemmeno avuto la garanzia di tenerli fuori dei pericoli della strada.... come si faccia a scegliere comunque rimane un mistero e a volte è imprevedibile la combine cane - affidatario, così come succede con i figli.

    RispondiElimina
  2. Ciao Carla! A volte pensiamo sia anche questione di fortuna... Ciò che definiamo fortuna penso sia appunto l'empatia di essere riusciti a ad ascoltare le sensazioni che alla fine ci hanno condotto a una precisa scelta. Questo non vuol dire scegliere un cucciolo affidandosi solo alle sensazioni di "pelle" ma vuol dire cercare di non farsi condizionare da fattori che non centrano nulla e ci possono solo distogliere dal vedere le cose importanti che ci sevorno per operare una scelta.
    Per i figli penso sia un po' la stessa cosa, come in realtà per tutti i rapporti indipendentemente dall'importanza affettiva. Nel senso che anche il rapporto difficile non è questione di sfortuna ma frutto di dinamiche che a volte non siamo in grado di cogliere ma che da entrambe le parti in modo non sempre paritario sono state messe in atto nostro malgrado.

    RispondiElimina
  3. Ciao Carla! A volte pensiamo sia anche questione di fortuna... Ciò che definiamo fortuna penso sia appunto l'empatia di essere riusciti a ad ascoltare le sensazioni che alla fine ci hanno condotto a una precisa scelta. Questo non vuol dire scegliere un cucciolo affidandosi solo alle sensazioni di "pelle" ma vuol dire cercare di non farsi condizionare da fattori che non centrano nulla e ci possono solo distogliere dal vedere le cose importanti che ci sevorno per operare una scelta.
    Per i figli penso sia un po' la stessa cosa, come in realtà per tutti i rapporti indipendentemente dall'importanza affettiva. Nel senso che anche il rapporto difficile non è questione di sfortuna ma frutto di dinamiche che a volte non siamo in grado di cogliere ma che da entrambe le parti in modo non sempre paritario sono state messe in atto nostro malgrado.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosa, si in ogni caso è un po' fortuna, un po' intuito, un po' informazione e scelta consapevole. Da parte mia a volte mi sono sentita così "sotto esame" che mi sono un po' ritirata, con certi uni, anche perché a volte si cerca il cane dei nostri sogni e si è poco realistici, e dall'altra parte non vorrei mai un allevatore che non prenda le dovute informazioni su di me come affidataria e che segue per un po' il cucciolo.... comunque appena posso (soprattutto in relazione alla salute del mio billino ed alle mie forze) mi farò viva di nuovo.... Intanto buon Natale a tutti, quattro e due zampe della vostra bella famiglia!

      Elimina
  4. È tutto molto vero e molto giusto.
    PERÒ... :)
    Mi sento punta sul vivo perché io stessa vi ho contattati e ho anche chiesto il prezzo per un cucciolo. Ben sapendo che all'interno del prezzo c'è tutto il vostro lavoro e che quindi è una cifra "legittima", ho avuto così modo di capire che evidentemente non è ancora il momento propizio per godermi il Corgi che tanto e da tanto desidero. :)
    Spezzo quindi una lancia in favore di chi, come me, ha fatto questa domanda tanto sgradevole per voi, ma che alla risposta non è corsa a prendere un cucciolo da allevatori poco seri e semplicemente sta aspettando di potersi permettere di accogliere il cane dei sogni :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Ci tengo a precisare che chiedere il prezzo è un diritto sacrosanto che non mi permetto di mettere in discussione. Non deve essere, però, la prima cosa che si chide perchè per chi alleva con passione l'aspetto economico è davvero secondario e questo non perchè non abbia valore ma perchè per noi la cosa più importante è la motivazione, la spinta a volere un Corgi al di la di ogni cosa. E ti posso assicurare, per esperienza, che richieste frettolose non diventano mai conferme pazienti che attendono il cucciolo il tempo che ci vuole. Purtroppo è uno stereotipo.
      Le persone che hanno maturato la scelta ci contattano e si raccontano e da li si inizia. E molte volte sono persone giovani per le quali l'aspetto economico è importantissimo.

      Elimina
  5. il mio Billi purtroppo sta per andarsene sull'arcobaleno. anziano, amatissimo cane ha contratto un tumore della bocca ad evoluzione rapida. Ho deciso di godermelo, almeno fintanto che tutto intorno sta bene, passeggia volentieri, mangia ed è abbastanza contento. poi vedremo come la prendo e poi ... chissà.... arriverà anche il momento nostro, mio e del Billi che verrà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace molto per il tuo Billi... tanti auguri a entrambi. 💚

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina